Questit Lab 2019. Progetti di intelligenza artificiale per le imprese toscane

Continua la terza edizione del Questit Lab, il laboratorio di Intelligenza Artificiale, data analysis e social media marketing frutto della collaborazione tra il  Master in Comunicazione d’impresa – giunto quest’anno alla sua tredicesima edizione – e l’azienda QuestIT srl Innovation Lab del gruppo The Digital Box.

Questit lab è un laboratorio sperimentale del Master in Comunicazione d’Impresa dell’Università di Siena (MCI) aperto a tutti gli studenti dell’Ateneo senese. Coinvolge imprese ed istituzioni del territorio che accettano la sfida di confrontarsi con l’innovazione tecnologica per definire le proprie strategie di comunicazione digitale. Lo scopo è quello di sperimentare la contaminazione del sapere; contaminazione tra mondo dell’impresa e mondo della ricerca.

Il progetto che coinvolge studenti, docenti, aziende di eccellenza del territorio toscano e esperti di intelligenza artificiale si è dedicato quest’anno a creare strategie di marketing digitale basate sull’utilizzo di chatbot, data analysis e contenuti visivi per il mondo social.

Le attività si articolano in circa 50 ore (di cui una metà in aula e una metà in autonomia) di progettazione in team e applicazione su business case reali, attraverso i quali gli studenti possono conoscere e sperimentare smart software di valore in continua evoluzione, quali ad esempio:

ALGHO, una piattaforma di Intelligenza Artificiale dedicata alla creazione di assistenti virtuali e alla loro distribuzione sui canali di comunicazione in grado di misurare le performance e supportare i workflow di customer care.

ADA, una piattaforma dedicata alla creazione, distribuzione e misurazione di contenuti online su più canali fortemente integrati tra di loro.

MY SNOOPER: una piattaforma di ascolto, monitoraggio e analisi della rete automatizzato e continuativo che consente di ricercare informazioni sul web e i social.

Imparare le hard skill richieste dal mercato

La formula teorico-pratica del laboratorio permette ai partecipanti di apprendere con efficacia e rapidità una serie di competenze verticali, rilevanti per il mercato del lavoro nel settore del marketing e della comunicazione. Tra queste vale la pena citare:

– competenze di data analysis, ovvero raccolta, organizzazione e strutturazione dei dati. Si tratta di una competenza molto ampia a cui i partecipanti al Questit Lab vengono avviati. Gli strumenti messi a disposizione all’interno del Laboratorio danno loro la possibilità di analizzare un grande flusso di dati e ricavarne informazioni utili per il business;

– competenze di digital strategy, ovvero la capacità di definire una strategia a seguito dell’analisi di bisogni, obiettivi e opportunità aziendali. In particolare i partecipanti al laboratorio possono dedicarsi all’ideazione di azioni e contenuti specifici per le aziende;

– competenze di conversation design, ovvero la capacità di progettare il linguaggio di un assistente virtuale per una conversazione umana. Il tutto in base alle esigenze aziendali e agli obiettivi di marketing condivisi. Un’attività legata al settore della comunicazione che da’ modo ai partecipanti di utilizzare la logica predittiva nella definizione di un’azione di marketing. Portare avanti non tanto una rivoluzione digitale, quando una rivoluzione cognitiva nel business.

A che punto siamo

Anche quest’anno il laboratorio ha coinvolto aziende molto diverse tra loro per settore e struttura, un’eterogeneità che ha garantito ai partecipanti di comprendere le diverse sfumature delle competenze e attitudini richieste dai settori del marketing e della comunicazione, ma che ha generato anche un confronto autentico tra le imprese in merito all’innovazione tecnologica in forte accelerazione.

La scorsa settimana si è conclusa la prima fase del laboratorio dedicata alla definizione della strategia e delle azioni. Per tutto l’anno ci sarà comunque la possibilità per i partecipanti al laboratorio di attivare nuove azioni, implementare e pubblicare ulteriori contenuti e misurarne i risultati.

In particolare quest’anno le aziende e le istituzioni che hanno partecipato alle attività del laboratorio sono state:

Azienda: Museo Santa Maria della Scala – Settore: Cultura

Obiettivo: Realizzare un chatbot di supporto al viaggiatore – turista

Azienda: Emma Villas Tour Operator – Settore: Turismo

Obiettivo: Progettare un chatbot di supporto al customer care

Azienda: Sienambiente – Settore: Ambiente

Obiettivo: Integrare la comunicazione istituzionale sui canali social

Organizzazione: Siena International Photo Awards – Settore: Formazione

Obiettivo: Definire una digital strategy per la piattaforma e-learning

Azienda: Castello Banfi – Settore: Turismo

Obiettivo: Progettare un chatbot di customer care per il turismo del vino

Organizzazione: Rondine – Settore: Terzo settore

Obiettivo: Realizzare un chatbot per i potenziali iscritti allo studentato internazionale

“Siamo molto soddisfatti del laboratorio” – afferma il direttore Maurizio Masini – “Si tratta di una vera e propria sfida: non è facile far dialogare il mondo accademico e le aziende sui temi dell’innovazione tecnologica e di industria 4.0. QuestIT e il Master in Comunicazione d’Impresa condividono lo stesso obiettivo: permettere alle imprese e alle istituzioni del territorio di recitare un ruolo da protagoniste nell’era digitale, con risorse umane competenti e prodotti all’avanguardia. Cercheremo, insieme, di vincere questa sfida”.

Buon lavoro a tutti!

Commenta il post